top of page

Rinnovato il Contratto per i dirigenti del settore terziario, distribuzione e servizi



Lo scorso 12 aprile, tra Confcommercio e Manageritalia è stato sottoscritto l'accordo per il rinnovo del CCNL 31 luglio 2013 applicabile ai lavoratori dirigenti di aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi. Tale nuovo accordo avrà piena efficacia dopo che gli Organismi Direttivi delle parti stipulanti ne avranno dato approvazione e, per la parte normativa, va considerato congiuntamente al precedente accordo sottoscritto in data 16 giugno 2021. Il contratto decorre dal 1° gennaio 2022 e scade il 31 dicembre 2025.


Aumenti retributivi

L'accordo prevede un incremento della retribuzione di fatto nelle seguenti misure: -euro 150,00 con decorrenza 1° dicembre 2023,

-euro 150,00 con decorrenza 1° luglio 2024,

-euro 150,00 con decorrenza 1° luglio 2025.

Conseguentemente, l'articolo 2 dell'accordo in commento stabilisce i nuovi valori del minimo contrattuale mensile, prevedendo queste misure:

-euro 4.040,00, per dirigenti assunti o nominati a partire dal 1° dicembre 2023;

-euro 4.190,00, dal 1° luglio 2024;

-euro 4.340,00, dal 1° luglio 2025.


Una tantum

È altresì prevista l'erogazione di un importo a titolo di una tantum a copertura del periodo di carenza contrattuale compreso tra il 1° gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2022 da riconoscere pro quota rispetto ai mesi di servizio prestati, ai dirigenti in forza al 12 aprile 2023. L'importo complessivo pari a euro 2.000,00 non utile ad alcun istituto contrattuale viene erogato in tre tranche con queste modalità;

-euro 700,00 con la retribuzione del mese di maggio 2023,

-euro 700,00 con la retribuzione del mese di settembre 2023,

-euro 600,00 con la retribuzione del mese di novembre 2023.


Welfare Viene istituito un contributo di welfare obbligatorio pari a euro 1.000,00, con decorrenza 1° gennaio 2024 e 1° gennaio 2025, spendibile utilizzando la piattaforma welfare Cfmt. L'importo indicato viene riconosciuto pro quota in presenza di assunzione o nomina avvenuta nel corso di ciascun anno di riferimento.

Previdenza complementare

Vengono modificate le percentuali del contributo integrativo a carico del datore di lavoro, già comprensive della quota di adesione contrattuale dovuto al Fondo "Mario Negri":

-2,39%, a decorrere dal 1° gennaio 2023;

-2,43%, a decorrere dal 1° gennaio 2024;

-2,47%, a decorrere dal 1° gennaio 2025.


Formazione professionale

Per le sole annualità 2024 e 2025 è previsto a favore del CFMT un contributo annuo aggiuntivo di euro 25,00 a carico azienda ed identico importo a carico del dirigente; le quote annue complessivamente dovute all'ente per le annualità 2025 e 2025 sono pertanto fissate in euro 315,00 a carico del datore di lavoro e 155,00 a carico del dirigente.

Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page