top of page

CCNL piccola e media industria chimica



Il 5 dicembre 2023 tra Unionchimica Confapi, Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL 8 marzo 2019 per i lavoratori della piccola e media industria dei settori della chimica, concia e settori accorpati, plastica e gomma, abrasivi, ceramica, vetro.

DI seguito ci focalizziamo su alcuni punti.

Tempo parziale

Vengono modificate le percentuali di accoglimento delle richieste di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale previste dall’articolo 3:

- 4 per cento per le aziende fino a 50 dipendenti;

- 5 per cento per le aziende da 51 a 100 dipendenti;

- 6 per cento per le aziende oltre i 100 dipendenti.

Classificazione del personale

Viene stabilito che la Commissione paritetica per l’unificazione, semplificazione e aggiornamento del sistema di inquadramento professionale venga nominata entro il mese di febbraio 2024 e che i lavori abbiano inizio nel mese di aprile 2024.

Trasferta e banco ore solidale

L’importo della diaria prevista per il settore Coibenti dal 1° gennaio 2024 viene elevato a euro 46,48 giornalieri per le trasferte in Italia ed euro 77,47 per le trasferte all’estero.

Per quanto attiene la banca ore solidali le Parti condividono le linee guida per la sua applicazione in azienda.

Malattia e maternità

Per quanto attiene la malattia l’ipotesi di accordo precisa, per tutti i settori, che la malattia sopravvenuta durante le ferie ne interrompe il godimento solo se la patologia contratta non permette il recupero psicofisico del lavoratore.

Viene poi introdotta la possibilità per il dipendente in malattia che abbia superato il periodo di comporto di richiedere un periodo di aspettativa della durata di 6 mesi.

Con decorrenza 1° gennaio 2024 viene prevista l’integrazione dell’indennità INPS di congedo parentale fino alla percentuale del 50 per cento della retribuzione per un periodo non superiore a 3 mesi.

Dalla stessa data il congedo di paternità obbligatorio è incrementato di una giornata retribuita a carico azienda.

Una tantum

Ai lavoratori in forza alla data del 1° novembre 2023 viene riconosciuta, con la retribuzione del mese di novembre 2023, una somma a titolo di una tantum di euro 101,00 lordi.

Tale somma:

- è fissa per tutti i livelli di inquadramento;

- è da riproporzionare a seconda della percentuale part-time del lavoratore.

Aumenti

L’ipotesi di accordo prevede, per il settore Chimica, un aumento per il livello D di euro 191,00 da riconoscere in 4 tranches:

- euro 100,00 a decorrere dal mese di novembre 2023;

- euro 35,00 a decorrere dal mese di gennaio 2024;

- euro 45,50 a decorrere dal mese di aprile 2025;

- euro 10,50 a decorrere dal mese di dicembre 2025.

Per il settore Plastica e Gomma viene previsto un aumento per il livello 5 di euro 167,00 da riconoscere in 4 tranches:

- euro 100,00 a decorrere dal mese di novembre 2023;

- euro 27,50 a decorrere dal mese di gennaio 2024;

- euro 28,00 a decorrere dal mese di aprile 2025;

- euro 11,50 a decorrere dal mese di dicembre 2025.

Per il livello D1 dei settori Abrasivi, Ceramica e Vetro – prime lavorazioni, per il livello 4 del settore Vetro – seconde lavorazioni e per il livello 5 del settore Vetro – soffio e semiautomatiche viene previsto un aumento di euro 161,00 da riconoscere in 4 tranches:

- euro 100,00 a decorrere dal mese di novembre 2023;

- euro 28,00 a decorrere dal mese di gennaio 2024;

- euro 23,00 a decorrere dal mese di aprile 2025;

- euro 10,00 a decorrere dal mese di dicembre 2025.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page